martedì 22 giugno 2010

Pane Matlouh Senza Glutine

Un pane comodissimo per il periodo estivo, soffice… 

Pane Matlouh Senza Glutine
Ricetta da me inserita su Cis l’11 maggio 2009

ho dimezzato le dosi rispetto alla ricetta in basso

195 g di acqua
10 g di olio
1 cucchiaino di sale
140 g di Mix B (se non avete problemi di intolleranza al lattosio potete usare anche il Mix di farine dietoterapeutiche per pane e focacce nella variante con la glutafin, in questo caso aumentare di circa 5 g l’acqua)
60 g di Farmo
50 g di Pandea
4 g di lievito secco (mezza bustina di quelle che si trovano nella farina Pandea)

Ho messo gli ingredienti nella macchina del pane prima i liquidi e poi i solidi e per ultimo il lievito ed ho programmato impasta e lievita. Al termine mi sono infarinata le mani ed il piano di lavoro ed ho preso l’impasto leggermente appiccicoso, ma che si lavora molto bene l’ho diviso in due parti. Poichè lievitano bene potete schiacciarlo di più di quanto ho fatto io, oppure formare più di due pani.
Ho schiacciato con le mani e l’ho rimesse a lievitare dentro il forno spento per 50 minuti circa.






Questa volta l’ho cotto nel testo per le piadine, l’ho arroventato bene, poi ho abbassato la fiamma e fatto cuocere circa 5 minuti per lato, non deve bruciarsi e deve cuocersi dentro.














Molto morbido, con leggera crosticina, è buonissimo e l’ho trovato in rete con l’aggiunta di tanti semini di sesamo.
Perfetto in estate quando c’è caldo e non ci va di accendere il forno

e questo è il vecchio esperimento...















Ricetta da me inserita su Cis il 4 maggio 2007
Ingredienti

400 g di farina Farmo
100 g di farina agluten
325 ml di acqua
2 cucchiaini di sale
1 cucchiaio d’olio
1 bustina di lievito secco

Ho messo gli ingredienti nella macchina del pane prima i liquidi e poi i solidi e per ultimo il lievito ed ho programmato impasta e lievita. Al termine mi sono infarinata le mani ed il piano di lavoro ed ho preso l’impasto che si lavora molto bene l’ho diviso in quattro parti. Ho schiacciato con le mani e l’ho rimesse a lievitare dentro il forno spento per 50 minuti circa. Ho acceso il fornetto Ferrari quello con la pietra refrattaria per la pizza e l’ho cotto lì.
L’interno così si vede meglio

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Sembra sofficissimo... Complimenti, mi viene voglia di assaggiarlo.... ciaooo
anna
www.thegustibus.com

Sonia ha detto...

E' bellissimo! al posto della Farmo?
Bravissima
bacioni bacetti

La Gaia Celiaca ha detto...

risolutivo per me per quest'estate! vado due settimane in alto adige, in una agriturismo dove non c'è il forno :-(
già mi preparavo a pietire dalla padrona di casa, ma non ero convinta per le contaminazioni.
questo bellissimo pane è la risposta ai miei problemi!

Felix ha detto...

Grazie ragazze :-)

Sonia hai fatto scorta di Pandea: usa la glutafin al posto della Farmo ;-)

Ne sono contenta Gaia, facci sapere se ti piace!

Glu.fri cosas varias sin gluten ha detto...

Bella bella bella questa soluzione. Adesso la devo adattare con i mix che trovo qui...Baci

enza ha detto...

Ciao Olga... .qui mi è piu'
facile scrivere ihih..nell'altro
avevo perso la passw...
Complimenti per tutto !!

P.S se ti capita di sentire Cla' ha
da dirti qualcosa da parte mia!!

Felix ha detto...

@Glu.fri: fammi sapere se sei riuscita a realizzarla con le farine che trovi da te :-)

@Enza: ciao bellezza, benvenuta anche qui... adesso contatto subito Claudia!

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...