mercoledì 22 ottobre 2014

Dimostrazione di Cucina Senza Glutine Milano 22 novembre

Questa invece la locandina della dimostrazione che faremo a Milano con la nostra cara amica Lidia e la collaborazione dei ragazzi di Celiachia Food Milano Sud :)


martedì 21 ottobre 2014

Corso di Cucina Roma 7 dicembre 2014

Il corso è SOLD OUT. Vi ringraziamo di cuore tutti :)

Forse ce la facciamo a riprendere i corsi a Roma :)
Ecco la locandina con tutte le informazioni per partecipare a quello del 7 dicembre con la collaborazione di Celiamagic e del ristorante Taberna Recina
































Vi riporto le informazioni della locandina così che possiate leggerle bene:

Struttura del corso:

  • I parte: LIEVITO MADRE, come prepararlo con le farine naturali e conservarlo in casa. Ogni partecipante realizzerà il proprio lievito madre!
  • II parte: PIZZA FELIX, la pizza senza glutine che fa felice tutti, glutinosi compresi! Preparazione dell’impasto, lievitazione e cottura con assaggio.
  • III parte: BISCOTTINI DI PASTA FROLLA SENZA BURRO, squisita e facilissima pasta frolla preparata con un mix di sole farine naturali e realizzata senza lattosio. Ottima per grandi e piccini!
  • Il corso sarà tenuto da Felix e Cappera, avrà una durata di tre ore e potrà ospitare massimo 35 persone. Ciascun partecipante sarà coinvolto attivamente attraverso prove pratiche (si impasta, si cucina e si assaggia!). Un’esperienza divertente e formativa per apprendere anche tanti preziosi consigli e trucchi per lavorare con la miglior resa le farine senza glutine!
  • Ogni partecipante dovrà portare tutto ciò che normalmente si usa a casa per preparare una pizza o un dolce: un matterello, un foglio in silicone da usare come spianatoia, frustino (ELETTRICO) manuale e un grembiule.
  • Il corso è a numero chiuso, con prenotazione obbligatoria. E’ necessario effettuare l’iscrizione entro e non oltre martedì 2 dicembre recandosi da Celiamagic (Via Latina, 158/164 ‐ 00179 Roma), oppure telefonando al numero 06/60665717 o inviando una mail a info@celiamagiconline.com. Una volta iscritti, se impossibilitati a partecipare, si prega di avvisare gli organizzatori in tempo utile, così da lasciare ad altri la possibilità di intervenire.
  • La quota di partecipazione, pari ad euro 15/partecipante, è a copertura delle spese organizzative (farine, ingredienti vari, location). Olga (Felix) ed Emanuela (Cappera) terranno il corso a titolo gratuito.


La locandina è stata ideata e preparata dalla nostra amica Arianna che ringraziamo :)

Vi aspettiamo :)

Un abbraccio!

Olga

Formaggio Cremoso di Kefir all'Erba Cipollina

Pensavate che l'avessi smessa con il kefir? No, non sono contenta se prima non le provo tutte :)



Questa è una cosina deliziosa, facile, che vi consente di smaltire il Kefir autoprodotto.
Vi potete sbizzarrire come volete nel condire il vostro formaggio cremoso: io qui ho messo un pizzico di sale, pepe rosa, un "cincinnino" di pepe nero ed erba cipollina, ma potete variare come volete, magari ispirandovi ai condimenti del ben più industriale "formaggio philadelphia", visto anche che la consistenza è identica.

Per quella formina ho usato:


  • 1 litro e mezzo di kefir di latte


Vi serve poi un telo di cotone fitto (non trattato con ammorbidenti e che non abbia odori strani) attraverso cui filtrare il kefir ed un ciotola posta sotto che raccolga tutto il siero.
Versate il kefir dentro al telo, chiudete il telo a fagottino ed appendentelo a scolare.
Il principio è lo stesso del Labne fatto con lo yogurt e che potete leggere qui, così vedete l'accrocco: Labneh.
Trovo però che questo sia più buono del Labne, anche per il fatto che qui il latte lo avete scelto Voi :)

Io appendo la sera verso le 21 per averlo pronto asciutto alla mattina dopo, il tutto fuori dal frigo.

A questo punto lo condite come vi piace, lo mettete dentro una formina - se vi va - oppure gli date la forma di un caprino, aiutandovi con la pellicola alimentare e lo mangiate subito.
Se lo lasciate in frigo si rassoda ancora un po'.

Ovviamente NON buttate il siero!!!

Con quello fate lievitare il pane :) utilizzando questa ricetta: No Knead Bread di solo Kefir


Infatti la focaccia che vedete di lato (ed è senza glutine ovviamente) è lievitata con il solo siero del kefir :)
In un secondo momento vi parlerò della farina con cui è realizzata la focaccina, perché devo fare altre prove prima.

Ed ho altre prove da fare anche con il siero.

Un abbraccio!

Olga

mercoledì 15 ottobre 2014

Torta di Mele con Kefir di Latte

Una torta di mele facilissima, buonissima, morbida e con il kefir al posto del latte.
Era un ricetta con glutine trovata su un ricettario che si intitola "100 dolci infallibili", editore Salani: io oltre a sostituire la farina, ho diminuito lo zucchero di 100 g e utilizzato il kefir al posto del latte

Inserisco due link dove potete leggere qualche informazione sul Kefir:

Il Kefir e le sue origini
Il Mondo del Kefir (qui trovate tutte le informazioni su come produrlo in casa e conservarlo. Si può anche congelare se si vuole interrompere la produzione per un periodo)


©Torta di mele con Kefir di Latte©
per uno stampo di 24 cm di diametro

  • 5 mele piccole 
  • 300 g di farina senza glutine per dolci (io come al solito ho usato il mix di farine naturali per impasti lievitati)
  • 200 g di zucchero
  • 3 uova
  • 100 g di burro a pomata 
  • 1 bustina di lievito per dolci (la cui idoneità va verificata in Prontuario o in etichetta con il claim "senza glutine")
  • 200 ml di Kefir di latte (se non lo avete potete usare direttamente il latte. Se, invece, comprate il kefir già pronto in bottiglia leggete la risposta di AIC per scegliere quello sicuro: Forum AIC)
  • il succo di un limone
  • zucchero a velo per guarnire (la cui idoneità va verificata in Prontuario o in etichetta con il claim "senza glutine")


Per iniziare togliete il burro dal frigo tagliatelo a cubetti e lasciatelo ammorbidire bene.
Sbucciate le mele, tagliatele a spicchi e irroratele con il succo del limone così che non anneriscano.
Sbattete le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso.
Sempre con l'impastatrice in funzione unite il burro che deve essere morbidissimo (a pomata per l'appunto), il kefir (o il latte) e la farina setacciata con lievito.
Versate il composto nello stampo, imburrato e infarinato con farina di riso sottile, e completate affondando le mele nell'impasto.
Cuocete in forno già caldo a 170° per 40-45 minuti circa. Fate sempre la prova stecchino.
Lasciate intiepidire e sformate il dolce.

Torta ottima senza "ma", divorata da "soggetti glutinosi", che ignoravano fosse senza glutine ;)

Un abbraccio!

Olga

p.s.: il kefir di latte sostituisce egregiamente il latte e lo yogurt dati nelle ricette, provate :)

lunedì 13 ottobre 2014

No Knead Bread di solo Kefir :)

Anche se è quasi un mese che non mi affaccio con un post, il periodo è quello degli esperimenti in cucina :)
Per adesso mi è presa a fare lievitare il pane solo con il Kefir, cioè senza aggiungere lievito di birra né lievito madre.

Cos'è il Kefir?
E' un latte fermentato piuttosto denso, dal gusto dolce e leggermente acidulo: esso si ottiene dall'unione del latte con i c.d. "grani di Kefir".
Grani di Kefir da me ribattezzati "cosini" che si presentano come se fossero fiocchi di latte e sono più grandi dei fermenti con cui si fa lo yogurt.
Il latte che ne risulta è ricchissimo di fermenti lattici, di saccaromiceti e pare che sia "delattosato" per circa il 30%.

Trovate i grani di Kefir nei negozi bio, ma a me li ha regalati la mia cara amica Rosalba di Torino e non so di preciso quanti anni abbiano, so solo che sono una bomba: un potere lievitante che mi ha entusiasmato.

(Sbirciate anche questi due link:
Il Kefir e le sue origini
Il Mondo del Kefir (qui trovate tutte le informazioni su come produrlo in casa e conservarlo. Si può anche congelare se si vuole interrompere la produzione per un periodo)

Dopo averlo provato con il poolish (poi vi metterò anche quegli esperimenti) ho deciso di usarlo per l'impasto del No Knead Bread e per le farine sono tornata al mio caro, vecchio, amato mix per pane, la cui resa, duttilità e facilità di utilizzo rimangono a mio giudizio ineguagliate e ve lo dico dopo che non lo usavo più da circa un anno, per provare le novità uscite nel frattempo sul mercato.

Questo il risultato.

Fonte della ricetta senza glutine e dell'adattamento al Kefir: io, me medesima Felix :)


©No Knead Bread di solo Kefir©


  • 430 g di Mix per pane di Felix (cliccate e vi si apre il post con il mix: io ho usato quello con Nutrifree, Glutafin, Farmo)
  • 300 g di Kefir di latte (autoprodotto. Quello già pronto in vendita potrebbe non avere la stessa forza lievitante. Se comunque decidete per quello già pronto leggete la risposta di AIC per una scelta sicura: Forum AIC)
  • 120 g di acqua
  • 8 g di sale


Il procedimento è tutto spiegato a questo link, cliccate QUI, l'unica differenza è che non si aggiunge lievito, per cui lieviterà per effetto dei 300 g di Kefir di latte e inoltre il giorno dopo, quando lo farete lievitare, invece di 2 ore aspettate 3 ore.

Vi faccio vedere l'interno (dietro c'è la bottiglietta dove di solito faccio maturare il Kefir):

Il pane ha la crosta croccante, è morbidissimo, leggero e con il sapore vagamente dolce del kefir e non è assolutamente acido.

Un abbraccio!

Olga

p.s. leggo in giro: pane in pentola con metodo di.... o con metodo da... etc... l'unico vero inventore e creatore del metodo del pane in pentola è Jim Lahey, americano, stop ;)

venerdì 19 settembre 2014

I Biscotti "Senza"

Lo leggete sulla foto, non ci sono glutine, lattosio, uova e zucchero.

E che c'è dentro? E soprattutto: saranno commestibili?
Sì sì, sono davvero buoni altrimenti mai li avrei pubblicati :)

Da una ricetta trovata su un libricino delle guide di Natura&Salute, che insegna ad utilizzare miele, malto e sciroppi al posto dello zucchero.

Io ho soltanto tolto anche il glutine, ma era (in questo caso) la cosa più semplice da fare.


©I Biscotti "Senza"©


  • 1 limone piccolino (la ricetta originale indica l'arancia)
  • 40 g di cioccolato fondente tritato (io ho tritato le gocce di cioccolato fondente: la cui idoneità va verificata sul prontuario AIC o in etichetta con la scritta "senza glutine")
  • 50 g di farina di castagne (la cui idoneità va verificata sul prontuario AIC o in etichetta con la scritta "senza glutine")
  • 100 g di farina senza glutine per dolci (ovviamente sceglietene una senza lattosio)
  • 1 cucchiaino di cacao amaro (la cui idoneità va verificata sul prontuario AIC o in etichetta con la scritta "senza glutine")
  • 5 g di lievito per dolci  (la cui idoneità va verificata sul prontuario AIC o in etichetta con la scritta "senza glutine")
  • 50 ml di sciroppo di agave 
  • 3 cucchiai di olio di mais bio spremuto a freddo (la ricetta originale indica 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva fruttato e leggero)



  1. Grattugiate la buccia dell'agrume e spremetene il succo.
  2. Tritate il cioccolato.
  3. Dentro una ciotola setacciate insieme le farine con il lievito ed unite lo sciroppo di agave, il cacao, la buccia dell'agrume e l'olio.
  4. Cominciate ad impastare ed unite le gocce di cioccolato.
  5. Impastate bene in modo da amalgamare il tutto. Se lo ritenete necessario, cioè vedete che è un po' asciutto unite qualche goccia del succo dell'agrume spremuto.
  6. Verrà fuori un impasto sodo, non appiccicoso, "plastico" direi, che si lavora benissimo e si stende con facilità senza avere bisogno di farina.
  7. Stendete l'impasto ad un'altezza di 3 mm circa (in questo modo i biscotti vengono belli croccantini) e ritagliateli con una formina a piacere, meglio di dimensioni medio piccole.
  8. Cuocete in forno caldo a 160° ventilato per circa 15 minuti, ma come sempre quando si tratta di biscotti cominciate a controllare dal decimo minuto in poi.


I biscottini (contro ogni mia previsione) sono buonissimi, ovviamente non sono molto dolci e per me sono perfetti così, ma se volete potete ovviare spalmandoci sopra del miele, della marmellata fatta in casa, etc...
Tendono ad ammorbidirsi nell'arco delle 24 ore, ma è l'uso dello sciroppo, che per sua caratteristica trattiene umidità.

Un abbraccio!

Olga



lunedì 15 settembre 2014

Le Brioche Con il Tuppo di Mari :)

Quanto mi piace scrivere questi post! Sono i più belli, all'insegna della condivisione, dell'aiuto reciproco che deve contraddistinguere una comunità unita.
Significa crescita e indica le infinite possibilità che abbiamo, stando uniti, di superare un limite :)

Andiamo alla ricetta.

Mari ha seguito il procedimento come indicato in questa ricetta Brioche con il Tuppo II; ma sono anni (io lo so :) ) che fa le prove di brioche con quest'altra ricetta: Babà senza glutine, che invece prevede l'utilizzo di sole farine naturalmente senza glutine (non mix già pronti quindi).

Alla fine è uscita fuori questa sua rivisitazione:


©Brioche con il Tuppo di Mari©

Il lievitino va fatto con:


  • 68 g del mix di farine naturali preso dal totale di 268 g di farina in tutto
  • 68 g di acqua e tutto il lievito dato in ricetta (cioè i 3 g di lievito di birra secco)


  • 250 g di mix per impasti lievitati (cliccate e vi si apre la composizione del mix) più 18 g di amido di tapioca
  • 34 g di latte in polvere (quello da 0 a 6 mesi)
  • 7-8 g di xantano
  • 100 g di latte scremato
  • 50 g di zucchero a velo (verificare in etichetta o sul prontuario AIC l'idoneità)
  • 1 uovo
  • 50 g di di burro
  • scorza di arancia e limone grattugiati
  • 1 cucchiaio abbondante di miele (che sostituisce lo sciroppo di glucosio)
  • 3 g di lievito di birra secco


Il procedimento da seguire (anche per la cottura) è esattamente quello descritto QUI (cliccate e vi si apre la ricetta con il procedimento)

Questo è l'impasto lievitato pronto per confezionare le brioche



e questa è la cara Mari durante l'opera di confezionamento :)


Provatele! Restano belle morbide, sono profumate e a prova di retrogusto, pregio dell'uso di sole farine naturalmente senza glutine :)

Un abbraccio!

Olga

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...